Questo articolo è stato letto134volte!

È stato uno degli effetti collaterali meno nocivi del Covid-19: dopo una fase di appannamento e una diffusione relegata sempre più frequentemente soltanto agli uffici e alle attività professionali, le stampanti sono improvvisamente tornate di moda anche per l’utilizzo domestico, e anzi si sono rivelate delle alleate preziose al tempo del Coronavirus.

Il ritorno delle stampanti

La riscoperta della stampa cartacea è stata inevitabile per chi si spostava nel corso della ormai superata fase 1 di restrizioni, con le famigerate autocertificazioni da compilare ogni volta per motivare gli spostamenti o anche, più semplicemente, con la necessità di dare un supporto fisico leggibile ai ragazzi impegnati nello studio a distanza, dei fogli con disegni da colorare per i più piccoli o, non in ultimo, documenti importanti per lo smart working.

Aumentano ricerche e acquisti

Il risultato di questa situazione si traduce in numeri: solo nella settimana centrale di aprile, immediatamente dopo Pasqua, le ricerche online degli italiani sulla nota piattaforma Trovaprezzi si sono concentrate soprattutto nelle categorie dei prodotti informatici, premiando dispositivi come notebook, tablet, webcam e, soprattutto, stampanti e cosiddetti consumabili necessari per il loro funzionamento.

In particolare, il numero di persone che ha cercato informazioni sui prezzi per acquistare una stampante è salito del 155 per cento rispetto alla settimana precedente al lockdown, mentre gli accessori hanno avuto una crescita addirittura maggiore: più 205 per cento per le cartucce originali, più 324 per cento per quelle compatibili.

Boom per stampanti e cartucce compatibili

Un segnale, questo, della volontà degli italiani di trovare il giusto compromesso tra qualità e prezzo, scegliendo prodotti che, seppur non commercializzati dal brand ufficiale, garantiscano buone prestazioni di resa e stampa. Proprio in questo ambito si stanno diffondendo anche degli eCommerce specializzati, come ad esempio La Mia Stampante, che permettono agli utenti di scegliere il modello di cartucce compatibili più adatto alla propria stampante e di acquistarlo a prezzi vantaggiosi.

Premi internazionali per i brand

Ma non è solo il mercato a sancire il grande ritorno in voga delle stampanti: anche gli specialisti internazionali si stanno accorgendo dei grandi balzi in termini di prestazioni ed estetica degli ultimi modelli proposti dai vari brand del settore, e la pioggia di premi e attestazioni degli ultimi mesi ce ne danno una prova.

I vincitori del Red Dot Design Awards 2020

Il più importante è probabilmente il Red Dot Awards 2020 appena conquistato da Epson con le stampanti SureColor SC-P7500 e SC-P9500, premiate non solo con il riconoscimento di categoria – Product Design, per le caratteristiche di design dei modelli – ma anche con il prestigioso Best of the Best Award, il premio più importante della manifestazione tedesca.

Gloria per Epson e Fujifilm

Nella cornice – per la prima volta virtuale, a causa sempre dell’effetto Coronavirus – della kermesse organizzata dal Design Zentrum Nordrhein Westfalen, con sede a Essen, c’è stata tanta gloria anche per la Fujifilm, che ha portato a casa ben 23 differenti riconoscimenti a prodotti che si sono distinti per ergonomia, aspetto estetico e un design che ne facilita funzionalità e prestazioni eccezionali, come da motivazioni del premio.

Sul fronte stampa, il brand nipponico ha attirato le attenzioni dei giurati internazionali con i modelli di stampante per smartphone “instax mini Link” e per l’innovativa pellicola lenticolare ad alta precisione per stampa inkjet “OperaPass”, che ha conquistato il premio Red Dot come prodotto innovativo dell’anno.