Questo articolo è stato letto136volte!

Cosa sono le criptovalute? Perché sono diventate così importanti all’interno della società? E in che modo è possibile investire su questi strumenti? Sono tante le domande riferite al mondo delle monete elettroniche, un universo sconfinato che è arrivato a stuzzicare l’interesse di tantissimi utenti.
Oggi il bacino di utenza degli utenti è piuttosto ampio così come la quotazione di mercato raggiunta dalle criptomonete: si parla di un giro di affari pari a circa 50 miliardi di dollari, tanto per dare il senso del tema che si sta affrontando e per comprendere il motivo per il quale le monete digitali sono diventate veri e propri asset. Di seguito una piccola guida alle criptovalute.

Guida al mondo delle criptovalute

Dando un rapido sguardo alla storia di questi strumenti finanziari, la loro nascita è da far risalire al 2009, quando un tale con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto lanciò nel panorama il Bitcoin. Si tratta di monete dematerializzate, che non possono quindi essere trovate in formato cartaceo o metallico come avviene invece con la valuta ordinaria.
E sempre per proseguire con le differenze tra monete digitali e ordinarie, queste ultime fanno capo ad un ente regolatore mentre le criptovalute sono decentralizzate, ovvero non fanno capo a governi, banche né altri organi di potere centrale. Il tutto le rende svincolate da ogni logica di potere e dal controllo dall’alto, fattore che ha contribuito nel corso degli anni ad incrementarne l’ascesa.

Sono sicure o no?

Come funzionano allora le criptomonete? Tramite la tecnologia peer to peer, ovvero create e scambiate tra pari, senza enti superiori. Ed è proprio in questa loro essenza che deve essere ricercata la maggiore criticità spesso ascritta alle valute digitali: una delle ragioni per le quali si fa fatica ad accettare le criptovalute.
Si parla della mancanza di sicurezza, non essendoci garanzie a monte da parte di enti governativi superiori. Il fatto che queste monete vengano gestite in modo diretto da soggetti privati, che poi sono, spesso e volentieri, anche i consumatori ultimi, lascia qualche perplessità sulla loro reale sicurezza.
Tutto questo contribuisce a conferire alle criptovalute la fama di asset volatili, fattore importante soprattutto per chi le vede come prodotti finanziari sui quali investire. La loro quotazione quindi non è del tutto sicura, fluttua, può salire e poi crollare rapidamente senza darne eccessive avvisaglie.
In sostanza le monete virtuali sono certamente un asset di grande interesse e dalle potenzialità enormi, soprattutto in ottica futura: chi le guarda come asset per investimento dovrebbe tenere sempre in massima considerazione la loro grande volatilità.