SPAZIO PUBBLICITARIO

Tecnologia applicata La macchina che si muove autonomamente meglio dell’uomo.

Istituto italiano di tecnologia di Genova, avviano un  progetto di ricerca presso La Casa di Sollievo della sofferenza di San Giovanni Rotondo  (Foggia), lo storico nosocomio voluto in vita da San Pio di Pietralcina.

L’obiettivo della Sperimentazione è sviluppare e testare in campo, l’utilizzo di robot e intelligenza artificiale in supporto al lavoro del personale negli ospedali, nel caso specifico, il robot R1 verrà programmato e istituito, per svolgere il compito dei paramedici nell’assistenza e nella cura dei pazienti, nonché nella cooperazione con i medici ospedalieri. L’utilizzo  dei robot in campo medico non è una novità perché già interessa la chirurgia, la riabilitazione, la chirurgia radio assistita e l’assistenza del personale ad anziani e disabili il robot umanoide R1 nasce  all’istituto italiano di Tecnologia per operare in ambienti domestici e professionali. L’R1 ha un corpo di nuova concezione costituito per il 50 per cento da materie plastiche ed un cervello elettronico dove opera un’intelligenza artificiale che funziona ispirandosi alle modalità di apprendimento e interazione dell’uomo.

La collaborazione tra Konica Minolta e l’istituto italiano di Tecnologia è finalizzata a ottimizzare l’utilizzo dell’umanoide R1, in uno scenario reale come quello dell’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza, grazie all’apporto dell’esperienza e delle competenze del Konica Minolta Laboratory Europee nell’intelligenza artificiale e nella robotica distribuita.

Il robot è già in grado di riconoscere oggetti e persone, grazie a un sistema di visione e in generale a una rete di sensori  negli intenti degli sperimentatori dovrà interagire con medici e pazienti comprendendone i comportamenti per muoversi in autonomia all’interno degli ambienti clinici per riconoscere condizioni e necessità.

Anna Sciacovelli

SPAZIO PUBBLICITARIO